IPERCOOP Aquila

scorri indietro scorri avanti

Il progetto di questo centro commerciale è nato pochi mesi prima del sisma che ha colpito la città di L’Aquila il 6 aprile 2009. Esso prevedeva la realizzazione di una piastra alimentare da circa 5000 metri quadrati di superficie unita ad una galleria composta da 40 tra negozi e medie strutture di vendita.

Il profilo altimetrico dell’area, piuttosto scoscesa, ha generato un layout “a scala”, con il carico-scarico merci posto nella parte più alta a servizio dell’ipermercato. Questo profilo è stato studiato in modo da minimizzare le volumetrie fuori terra, e per rendere fruibili agli utenti anche le stesse coperture del fabbricato, che sono state pensate come un patchwork di prati e spazi di sosta in stretto collegamento con i pubblici esercizi del complesso.

L’intervento non è stato più realizzato a causa dell’esproprio dell’area S. Antonio effettuato dalla Protezione Civile Nazionale per la costruzione di uno dei complessi C.A.S.E.